Efficacy of self-monitoring blood glucose in the context of a chronic care model for type 2 diabetes patients treated with oral agents only

Premessa. Il Chronic Care Model (CCM) centrato sulla persona è riconosciuto come il modello assistenziale ideale per la gestione delle patologie croniche e il requisito essenziale per una persona inserita in un CCM è l’empowerment. Nel diabete, uno strumento fondamentale per acquisire consapevolezza della propria condizione, sviluppare capacità di auto-gestione, capire come muoversi all’interno del sistema, e sentirsi parte responsabile del proprio processo di cura potrebbe essere l’automonitoraggio domiciliare della glicemia.

Obiettivi. Lo studio Self-Care è nato allo scopo di valutare se un CCM centrato sulla persona sviluppato dalla dott.ssa Nicoletta Musacchio (modello educativo SINERGIA, Diabet Med 2011;28:724-30) e condotto attraverso l’utilizzo di un glucometro tecnologicamente avanzato (BGStar) può migliorare il controllo metabolico e dei fattori di rischio e la percezione/capacità di gestione della malattia rispetto alla usual care.

Tipo di studio. Studio clinico randomizzato controllato a gruppi paralleli (1:1) multicentrico

Popolazione. 241 pazienti con diabete di tipo 2 non trattati con insulina al primo accesso al servizio di diabetologia

Centri. 21 centri di diabetologia italiani

Promotore. 
Sanofi SpA, Italia

Fonte di finanziamento. 
Sanofi SpA, Italia

Status. 
Studio concluso

Pubblicazioni:

  1. Musacchio N, Ciullo I, Scardapane M, Giancaterini A, Pessina L, Maino S, Gaiofatto R, Nicolucci A, Rossi MC; Self-Care Study Group. Efficacy of self-monitoring blood glucose as a key component of a chronic care model versus usual care in type 2 diabetes patients treated with oral agents: results of a randomized trial. Acta Diabetol 2018; 55: 295-299